20 gen 2012

Portapenna da copertina

Ho un bel pensiero in mente, di quelli che vale proprio la pena di scrivere e di ricordare. 
Prendo il mio diario nuovo (tengo un diario da quando avevo 13 anni). 
Questa volta l'ho fatto io, tagliando dei vecchi fogli protocollo a quadretti
che ho fatto poi rilegare con una spirale di plastica (costo irrisorio). 
Ci ho messo un po', perché non riuscivo a tagliare le pagine tutte uguali.


Cerco la penna, non una a caso, ovviamente, quella che uso per scrivere il diario: 
sottile, luccicante, liscia al tatto, con l'inchiostro nero e la punta che scivola via sulla carta. 
Aspetta un attimo...ma dov'é? 
Non c'è nel portapenne! Tocca girare a cercarla. Trovata! 
E se ci fosse un modo per averla sempre a portata di mano al momento giusto?
Tredicesima illuminazione: un mini astuccio porta-penna da legare alla copertina.
E lo faccio subito!

    Ecco come...
Taglio 3 rettangoli di stoffa (uguali) e un po' di fettuccia.
 Le misure sono quelle scritte sul cartamodello visibile in foto: 19,5 x 5,5 cm.  
La fettuccia: 40 cm il pezzo lungo e 20 cm il pezzo corto.


1. Piego e cucio un orlo, sul lato corto di un rettangolo fantasia (che sarà la taschina), in base alle misure della mia penna o matita.
2. Appoggio la tasca sopra il rettangolo in tinta unita (a filo del fondo) col rovescio che tocca sul diritto della tinta unita.
3. Appoggio la fettuccia più corta come in foto.
4. Per ultimo, metto l'altro rettangolo in fantasia (diritto su diritto) e fermo con gli spilli (al centro del portapenne) compresa la fettuccia che così rimane fissa al centro e non rischia di essere cucita con il tessuto.


5. Cucio lungo i tre lati del portapenne, cominciando dall'angolo in basso a sinistra. Lascio aperto il fondo (vedi freccia verde in foto). Taglio gli angolini.
6. "Lavorando" sulla cucitura del lato corto creo una conca con un dito e ci infilo un bastoncino (io uso il fondo di un pennello).
7. Spingo il bastoncino verso il lato aperto del fondo e faccio uscire tutto il portapenne a diritto. Attenzione a spingere bene sugli angoli per far uscire le punte.
8.  Stiro con attenzione e creo un orlo alla base aperta del portapenne (vedi freccia verde in foto) dove infilo l'altro pezzo di fettuccia per poi chiudere con l'ultima cucitura.



Non resta che legarlo alla copertina e infilarci la penna giusta 
che sarà sempre lì pronta ad aspettarmi!


Già che ci sono, ne faccio anche uno per l'agenda nuova.
Capito il "meccanismo" si fanno in un attimo.

--- F - S - P ---


Condivido foto e testi solo per uso personale.
For personal use only.

***
NOTA
Elizabeth e Silvia, mi hanno giustamente fatto notare (nei loro commenti), che si potrebbe sostituire la fettuccia con un elastico. Io ho preferito la fettuccia e il nastro, non solo per motivi estetici, ma anche per poter usare il portapenne, regolandone la tensione, su qualsiasi copertina, anche quelle più morbide. L'idea di usare l'elastico mi sembra, comunque, molto funzionale e interessante! Grazie per la dritta!