05/09/20

La micina con il fiocco

Dopo un paio di prove non riuscite, ho trovato un disegno perfetto per me
sul sito russo lady-master.ru (thank you) e ho realizzato la mia micina.
Grazie anche a Pinterest che mi ha suggerito la pagina.

1. Cartamodello e scelta dei tessuti
Come faccio di solito per i pupazzi, ho ritagliato solo la metà, dopo aver piegato il foglio,
così sono sicura che la parte destra e quella sinistra del pupazzo siano identiche.
Voglio fare la gattina in tessuto fantasia, tranne il musetto che sarà in tinta unita color corda.

2. Cucitura dei tessuti diversi per il davanti e ricalco del cartamodello
Ho cucito il tessuto per il musetto, con quello fantasia e ho ritagliato il tessuto per il dietro.
Ho posizionato il cartamodello, facendo combaciare la linea del collo con la cucitura
e disegnando il profilo della gattina, sul rovescio dei tessuti.

3. Cucitura a macchina del davanti con il dietro
Ho messo il davanti sopra il dietro, diritto contro diritto e ho cucito
sopra la linea tracciata con la matita. Ho usato il piedino trasparente e un punto piccolo.
Ho lasciato la parte aperta sul lato di una gamba.

4. Ritaglio del contorno.
Lascio circa mezzo centimetro di distanza dai punti e ritaglio lungo tutto il perimetro.
Faccio diversi taglietti in orizzontale, lungo tutto il pupazzo.

5. Imbottitura
Dopo aver riportato il lavoro sul diritto, inserisco l'imbottitura, partendo dalle parti
più piccole e più lontane dall'apertura.
Chiudo la parte rimasta aperta con piccoli punti cuciti a mano e filo in tinta:
un punto a destra e un punto a sinistra e poi tiro il filo.

6. Ricamo del musetto
Disegno il musetto con la matita e poi ripasso con il filo da ricamo.
In alternativa, posso disegnare il musetto con un pennarello per tessuto.

7. Fiocco e tocchi finali
La gattina è finita e possiamo divertirci con gli ultimi particolari.
A me piaceva l'idea di un super fiocco e quindi ho cucito e imbottito sui lati
un mini cuscino che ho stretto al centro e poi fissato al collo con un cordoncino.

Ed eccola qui la mia gattina felice!
Direi che non le manca proprio niente.

Ah sì! 
Un un bel sacchetto per la confezione!
Sorrisi a tutti!

Condivido immagini e testi solo per uso personale - - - For personal use only

18/08/20

Un paralume in lino













Le immagini del tutorial sono per uso personale  - - - For personal use only

31/07/20

Sere d'estate e bigliettini

Ispirata dalle opere di Anwita Citriya, ho copiato da lei un bellissimo disegno,
scoperto su Pinterest, per realizzare un bigliettino d'auguri.


Scaricata la foto sul cellulare, ho ripreso il disegno con leggeri tratti di matita su un
cartoncino bristol bianco.
Ho aperto i miei acquerelli e ho iniziato a dare un po' di colore.
(In alto a sinistra nella foto, si vede la prima prova poco riuscita).


Per creare le ombre e definire meglio i particolari, ho usato le matite colorate.
Il contatto con le matite mi piace molto, amo il loro profumomi rilassano.


Con una penna biro nera e un pennarello nero a punta fine, ho lavorato sui ritocchi.
Anche questo è un momento magico, perché la punta scivola sul
cartoncino e tutto prende una forma precisa, qualche volta inaspettata, a sorpresa.
Il tempo non c'è più e mi godo la luce delle lunghe sere d'estate.


Lo sfondo aveva bisogno di diventare più scuro e l'ho ripassato con le matite sui toni
del blu. Per finire, ho ritagliato il bigliettino e l'ho incollato su un altro cartoncino bristol
 bianco leggermente più grande, per creare una mini cornice e renderlo più pesante.


Il bigliettino è finito, ora farò la busta su misura con la carta da pacco che mi piace tanto
 ed è anche resistente, perfetta per lo scopo.
Un caro abbraccio!

Testi e immagini sono per uso personale - - - For personal use only

13/07/20

La borsa con l'orlo interno a contrasto e le cuciture nascoste dei manici

La classica borsa tutto fare, sfoderata e leggera, ma con un particolare, anzi, un paio
di particolari interessanti: un grande orlo interno a contrasto, con effetto
vedo/non vedo e manici a spalla cuciti insieme all'orlo.

La borsa è senza fodera e un cotone leggero sarebbe misero e poco resistente,
quindi, scegliamo un tessuto di medio spessore (ad es. un cotone da arredamento).
Tagliamo 1 rettangolo di circa 83 X 43 cm per il corpo della borsa;
2 strisce di circa 62 X 7/8 cm per i manici a spalla;
2 strisce di circa 43 X 9/10 cm per l'orlo interno (di un colore a contrasto è più bello).

Per prima cosa prepariamo i manici,
possiamo cucirli nel modo classico (qui il mio tutorial per i principianti),
oppure, facciamo una semplice cucitura sul rovescio, compreso un lato corto e poi,
li rimettiamo a diritto con l'aiuto di una matita, un ago da maglia o una spilla.
Controlliamo che i due manici siano uguali per lunghezza e larghezza.

Puntiamo i manici sul diritto dei lati corti del rettangolo, a uguale distanza dal
centro e li teniamo in posizione con una piccola cucitura, molto vicina ai margini.
Prima di cucire, controlliamo di fissare i due manici in modo che siano lunghi uguali.

Sopra i manici, diritto contro diritto, fissiamo anche la striscia a contrasto, 
con una cucitura un po' più distante dai margini, rispetto quella del passo 3.
Pieghiamo la striscia verso l'interno del rettangolo, portandola sul rovescio.

Ora lavoriamo sul rovescio del rettangolo e facciamo due cuciture sulla striscia 
contrasto: la cucitura A, vicino ai margini, passando per la seconda volta sopra i manici
e la cucitura B nella parte bassa della striscia, dopo aver piegato un piccolo orlo.

I manici sono a posto, ed è il momento di far combaciare gli orli e chiudere i due "fianchi".
 Per finire in bellezza, lo facciamo con la cucitura inglese
Quindi, facciamo una prima cucitura sul diritto dei due lati aperti (vedi foto).

 Mettiamo a rovescio e facciamo la seconda cucitura sui "fianchi", dopo aver
ridotto i margini della prima cucitura e restando un po' più lontani dai margini,
per non rischiare di far uscire qualche filo sul diritto.

Volendo, possiamo applicare la nostra etichetta e aggiungere un bottone
automatico giusto come nota di colore, perché questo tipo di borse
è comodo sempre aperto, pronto per prendere o infilare qualcosa al volo. 

Modificando le misure del rettangolo, possiamo cambiare le dimensioni della borsa, 
come più ci piace o ci serve. La lunghezza dei manici, invece, resterà sempre uguale,
a meno che non vogliamo ridurli per portare la borsa a mano e non sulla spalla.
Un caro abbraccio! 

Condivido immagini e testi solo per uso personale  ...  For personal use only

02/07/20

Mascherina piatta estiva

Un po' per il caldo, un po' perché finalmente ho trovato l'elastico tubolare adatto,
ho cucito qualche mascherina più leggera in tessuti fantasia, riciclati da camicie estive.
Il modello è essenziale, piatto, senza pieghe, pratico da lavare e stirare,
ma anche facile da realizzare per chi non ha molta esperienza di cucito.
Ovviamente, si tratta sempre di mascherine casalinghe da usare per uscite brevi.

1.  Trovati i due tessuti di cotone adatti, uno per l'esterno e l'altro per la fodera
(anche uno più leggero dell'altro), ritaglio un rettangolo di circa 25,5 X 17,5 cm
da una confezione di cartoncino, che mi servirà come pratico cartamodello.

2. Riporto il rettangolo sul rovescio di esterno e fodera spillati insieme diritto
contro diritto e taglio piano piano, lungo tutto il perimetro.

3. Taglio ancora, solo sulla fodera (parte interna) della mascherina, circa 2,5 cm
e solo sui due lati più corti (vedi foto). 
Posso anche lasciare qualche spillo di quelli che ho fissato prima per il taglio,
saranno già in posizione per le prossime cuciture.

4. Faccio una cucitura sopra e sotto i rettangoli, sul lato lungo,
con il piedino a filo dei margini (vedi foto).

5. Riporto a dirittoappiattisco le cuciture
e i piccoli "orli" che si sono formati sul tessuto esterno.

6. Piego gli angoli del lato esterno che "avanza", verso l'interno (vedi foto).

7. Faccio una rifinitura a punto zig zag sui margini dei due lati corti
del tessuto esterno, per motivi estetici e per prevenire sfilacciamenti.

8. Piego le parti più lunghe del tessuto esterno, verso l'interno della mascherina
e le fisso con due cuciture a punto diritto, accanto ai margini rifiniti a zig zag.

9. Ora devo proprio stirare la mascherina ormai finita
e poi posso infilare l'elastico e annodarlo.
Al mercato, che qui a Treviglio ha riaperto da poco, ho trovato un elastico
tubolare per le mascherine che è morbido e non dà fastidio alle orecchie.
In alternativa, ho trovato (sempre al mercato) la fettuccia di licra, che è
ancora più delicata al tatto, ma è un po' più voluminosa 
e quando si lava si restringe e bisogna allungarla/tirarla ogni volta.
Se abbiamo una canotta o una maglia in licra, possiamo tagliare delle strisce
da usare per lo stesso scopo, anche se, almeno per la mia esperienza,
saranno un po' meno elastiche della fettuccia. Sconsiglio, invece, la maglina ricavata
dalle comuni T-shirt, perché, una volta allungata, la striscia non è più elastica.

Nascondo il nodo dell'elastico, tirandolo dentro i passanti. 
Le misure dell'elastico, sono personali, variano in base alla propria sensibilità
e alla taglia. Nel mio caso, è lungo circa 26 cm, ma bisogna fare qualche prova.

Come si può vedere, non ci sono pieghe esterne, cosa che facilità anche l'igiene
e la cura della mascherina e le cuciture sono ridotte al minimo.

Alla fine, si piega come un fazzoletto.
Ringrazio Crafty Daily per il video tutorial che mi ha dato la dritta giusta.
Con la speranza che siano le ultime mascherine che dobbiamo cucire!
Un caro abbraccio!

Condivido immagini e testi solo per uso personale - - - For personal use only