07/12/19

Ricalcare con tablet e smartphone

Tablet (e smartphone) possono diventare delle lavagne luminose
e, con una semplice applicazione, bloccare, rimpicciolire/ingrandire un'immagine da ricalcare.

Dopo aver installato l'applicazione scelta e scaricato l'immagine da ricalcare,
dovremo solo appoggiare un cartoncino leggero (o un foglio) sopra lo schermo,
 fissarlo delicatamente (per pochi millimetri) con dello scotch di carta
e iniziare a ripassare con attenzione i tratti visibili del disegno.

Al primo approccio sarà meglio usare la matita
ma una volta presa un po' la mano, cosa che succede abbastanza in fretta,
 riusciremo a ricalcare direttamente con i pennarelli e/o le penne a punta fine.

Tracciate le linee essenziali, possiamo togliere il cartoncino dal tablet
e completare tranquillamente il disegno, secondo il nostro gusto e stile,
 su una superficie meno scivolosa.

Per cominciare, ho scelto soggetti semplici, ben definiti e con pochi particolari.
Ho completato lo sfondo con una scrittadei puntini di diverse dimensioni.
Quanto ai colori, li ho usati con parsimonia
e ho lasciato ampio spazio al nero abbinato a più tonalità di grigio.

Lo smartphone ha lo schermo più piccolo,
ma va benissimo lo stesso per creare dei chiudipacco natalizi.
In rete ci sono tanti disegni e scritte di piccole dimensioni,
ma possiamo sempre rimpicciolire a adattare le immagini alle dimensioni che desideriamo.

Ricalcare è un'attività molto rilassante e gratificante, adatta a tutti,
ma ci permette anche di allenare e migliorare le nostre abilità manuali
e non è affatto da sottovalutare!

Strumenti usati
Applicazione per tablet e smartphone: Papercopy  - gratis da Play Store
(non ricevo compensi per pubblicizzarla, la cito per vostra comodità, perché è pratica, funziona bene e la pubblicità è praticamente inesistente).
Fonte dei disegni: Pinterest 

Condivido immagini e testi solo per uso personale / For personal use only!

02/12/19

Casette di pannolenci da appendere








Materiali usati: 
cartamodello su foglio a quadretti da 1 cm (vedi foto), pannolenci, ritagli di tessuto, filo, 
aghi di diverse misure, forbici, spago o cotone per uncinetto,perline, cuore di legno 
e macchina per cucire.
Grazie per l'ispirazione a: Craft and creativity


Condivido foto e testi solo per uso personale - - - For personal use only

29/10/19

Cestino di pannolenci

Davvero più facile a dirsi che a farsi, 
questo piccolo cestino di pannolenci si fa in un attimo.

Tagliamo 2 quadrati di pannolenci di circa 20 cm di lato.

Mettiamo i 2 quadrati uno sopra l'altro e li fermiamo con gli spilli.
Puntiamo uno spillo al centro.
Con la matita, tracciamo una linea di circa 8 cm sulla diagonale.
Tagliamo sopra la linea.

Facciamo una cucitura il più possibile vicina ai margini dei lati e dei tagli.
In questo modo, teniamo uniti i due quadrati.

Ora possiamo unire le punte a due a due per creare il cestino.
Le 4 punte interne (le prime che andiamo a cucire), 
possono essere fissate con una cucitura a macchina, ripassando sulle cuciture già fatte.

Le punte esterne, le più visibili, possiamo fissarle con un bottone, una perlina
o un'applicazione a piacere.

E il cestino è finito!

Il modello si può vedere su diversi blog, soprattutto stranieri, io ringrazio
che mi hanno dato la giusta ispirazione.
Andate a visitare il blog, perché c'è il tutorial chiarissimo della loro elegante versione in feltro!
Condivido foto e testi solo per uso personale - - - For personal use only

06/09/19

La borsa giapponese

Mi hanno regalato dei ritagli di tessuto in stile vagamente orientale e l'abbinamento con questa mini borsa o sacchetto giapponese (kinchaku) mi è sembrato perfetto.

L'ispirazione, ancora una volta, viene da Pinterestin particolare da: DIY EULE 
un blog tedesco che vi consiglio di visitare, perché ci sono diversi tutorial fatti proprio bene.

Con le spiegazioni di Nastja (grazie!) è tutto molto facile e si può anche stampare o ricalcare dal monitor il cartamodelloIo l'ho modificato leggermente, per avere una borsa più alta e con la base più piccola(Alla fine del post trovate la foto con le mie misure).
Cerchiamo di ritagliare esterno e fodera il più possibile uguali, ma, in ogni caso, mai l'esterno più largo della fodera, perché sarà sempre meglio avere una piega all'interno della borsa.
(All'ultima cucitura sarà tutto più chiaro).

E' importante ricordare che i 2 rettangoli che serviranno come passanti per il cordoncino di chiusura, devono essere più corti di circa 1,5 cm del lato su cui vanno fissati,
ma visto che dobbiamo rifinirli con gli orli, non lo dimenticheremo.
Nel dubbio, però, meglio mezzo centimetro più corti.

In questo modo, non rischiamo di "prendere" i passanti 
con i punti della cucitura che chiude i fianchi dell'esterno.

Se le cuciture degli angoli non sono perfette, 
non preoccupiamoci troppo, perché alla fine non ci daranno problemi.

Ricordiamoci di lasciare l'apertura per riportare il lavoro a diritto.

Con l'ultima cucitura intorno all'apertura della borsa, che consiglio di fare sul diritto del lavoro e togliendo la parte mobile della macchina, verifichiamo quanto siamo stati precisi con i tagli!
Come ho scritto sopra, se ad essere leggermente più larga sarà la fodera, l'eventuale piega che si verrà a formare, resterà nascosta all'interno. 
Se non si formano pieghe, siamo stati molto bravi!

Per rifinire le punte del cordoncino, ho ritagliato dei cerchi che ho piegato a metà,
ci ho infilato il cordoncino e poi ho piegato ancora, creando una specie di campanella.
L'ho cucita al centro con un punto zig zag molto corto, ma si può anche usare la colla a caldo.
Meglio cucire la campanella dopo aver inserito il cordoncino nella borsa, 
perché potrebbe essere troppo voluminosa per il piccolo passante.

La borsa finita è usabile da entrambi i lati.

Se la produzione ci prende un po' la mano (come nel mio caso),
le nostre mini borse saranno utili come confezione regalo per le prossime feste. 
Fatemi sapere se vi ho contagiato!

Ecco il mio cartamodello da copiare su un foglio a quadretti da 1 cm.

Condivido foto e testi solo per uso personale - - - For personal use only

22/08/19

Diario a spirale

Ho fatto il mio nuovo diario riciclando una spirale di plastica sfilata da vecchi appunti.

Amo i diari da sempre e continuo a usarli a modo mio.
Scrivo le mie "illuminazioni", le frasi che copio dai libri che sto leggendo,
ricalco disegni, invento scarabocchi e collages.
L'ultimo, iniziato nel 2015, sta ormai per finire e presto dovrò sostituirlo, ma lo faccio con gioia, perché da qualche anno mi diverto a creare da me il mio diario personalizzato.

Prima o poi, mi cimenterò nella rilegatura con lo spago che mi ha sempre affascinata,
per il  momento, uso la mia vecchia rilegatrice che funziona ancora bene.
Di solito, riciclo i fogli che mi capitano, meglio se diversi, ma ho finito tutte le scorte.
Ho fatto anche un diario con i sacchetti della frutta e le varie carte che buttiamo via,
è stato divertente, ma volevo qualcosa di più semplice e da finire in fretta,
così, ho forato dei fogli A 5 trovati al supermercato.

Per fare la copertina, ho cercato su Pinterest un disegno da ricalcare su uno dei fogli.
E l'ho trovato! Grazie a Immagine del profilo di type.gangtype.gang !
(Ho ricalcato dal monitor del portatile, ma sto studiando un modo per farlo senza problemi anche su smartphone o tablet...ne scriverò a breve).

Con la rilegatrice si fa in un attimo, si tratta di inserire (ovviamente forati prima):
copertina, fogli e cartoncino del retro, dentro una spirale di plastica. 
Ne ho riciclato una bianca, sfilandola da vecchi appunti ormai inutili, anche se è più lunga, la taglierò alla fine con le forbici. Non è ecologica (per questo non ne compero più e cerco di riciclare quelle che trovo)  e nemmeno bellissima, ma mi è venuta un'idea per renderla più carina.

L'ho ricoperta con un nastro adesivo fantasia comperato alla Lidl tempo fa.

Per proteggere il disegno, ho inserito sulla copertina un foglio da lucido riciclato
e per il retro ho usato un cartoncino azzurro trovato nella confezione dei fogli.

Il bello di questa rilegatura è che si possono sostituire o aggiungere nuovi fogli quando e dove si vuole e per una che ama fare esperimenti, come me, è sicuramente comodo!
Resta il dubbio sulla spirale di plastica! 
Se qualcuno ha trovato un modo per sostituirla (con questa foratura) sarò felice di conoscerlo!

Condivido foto e testi solo per uso personale - - - For personal use only