01 giu 2013

COME si FA: decorare i tessuti

Non ricordo quando ho decorato un tessuto per la prima volta, è successo tanto tempo fa. Di sicuro non ho più smesso! Da allora, con colori e tessuti, ho continuato a fare esperimenti di vario tipo, per me o per piccoli doni a parenti e amici: tasche, presine, tovaglie, coprilibro, sacchetti, astucci, borse, cuscini, lenzuola, foulard, grembiuli, magliette e camicie. 
Ho raccolto alcuni suggerimenti sull'argomento, ovviamente limitati alla mia esperienza e possibilità ma per qualche principiante potrebbero essere utili.

Materiali

In genere, faccio acquisti dove trovo qualche buona offerta: grandi negozi di fai da te, belle arti, supermercati o colorifici. Di solito uso:
 Colori liquidi per tessuto in barattolini di vetro o plastica
 Conservati ben chiusi e al riparo dalla luce, durano diversi anni.  
Per decorare tessuti scuri o neri, ci sono i colori coprenti, creati apposta per questo scopo. Li ho sperimentati più volte e sono validissimi.
 Pennarelli per tessuto
Ottimi per le rifiniture e le scritte, se ne trovano di tanti tipi con punte fini o grosse. 
Sono un po' meno resistenti dei liquidi.
 Colori acrilici 
In tubetto o barattolo, sono perfetti da utilizzare anche sui tessuti. Si presentano più compatti, costano decisamente meno e li trovo molto comodi per grandi soggetti. Quando asciugano, lasciano una sottile patina sulla parte dipinta (resta leggermente rigida al tatto), quindi non sono adatti a tessuti leggeri e delicati. Si trovano già pronti in molte sfumature e sono tranquillamente lavabili a 40 gradi in lavatrice. 



 Per trasferire su tessuto i colori liquidi in barattolo, come pure gli acrilici, materiali e superfici (salvo tecniche particolari) devono essere perfettamente asciuttiDi solito uso:
 Pennelli comuni 
Ce ne sono di diversi tipi e grandezze, con la punta, piatti, a ventaglio, ecc. Per i tessuti, preferisco quelli con le setole sintetiche, medi e piccoli. Sono indispensabili per mille motivi: stendere il colore, riempire i disegni, rifinire i contorni e altro ancora. Quando uso i pennelli sottili, agito per qualche secondo il barattolo chiuso e prendo pochissimo colore direttamente dal tappo, bagnando solo la punta del pennello.
 Maxi pennelli tondi e piatti
Molto compatti e senza punta, sono creati apposta per tamponare le mascherine (lo chiarisco meglio più avanti)Si tengono nel pugno, picchiettando le setole sul tessuto, con movimenti rapidi e decisi. Steso uno strato leggero di colore su una superficie piana, come ad esempio il fondo di un piatto, si preme il pennello per bagnare appena le punte.
 Spugne
Le ricavo spezzando o tagliando vecchie spugne di casa e uso un singolo pezzo per ogni colore. Sono perfette per riempire le mascherine (più avanti si capisce cosa intendo), colorare gli stampi, creare effetti particolari e sfumature delicate. 


 Pennarelli
Quando ho voglia di scrivere, rifinire o colorare piccoli particolari, scelgo spesso i pennarelli indelebili per tessuto: sono veloci, pronti all'uso e non richiedono la precisione del pennello. Specialmente se sono nuovi, bisogna avere una mano leggera e sicura per evitare possibili sbavature (qualche prova ci farà capire meglio come agire). Tendono a seccarsi, come tutti i pennarelli e la punta si può deformare con l'uso, ma sono così pratici che vale la pena di procurarsi almeno un pennarello indelebile nero a punta medio/fine.

Tecniche
Stencil
In base al risultato che voglio ottenere, a qualità e tipo di stoffa, allo stile della decorazione, al tempo che ho a disposizione, ai colori che posso usare e così via, posso sbizzarrirmi con diversi materiali e tecniche. Come primo esempio, cito quello delle mascherine (tecnica stencil), perché è  molto divertente, veloce e alla portata di tutti (anche di chi non sa disegnare). Si inizia, copiando un disegno semplice, stilizzato, su cartoncino (o fogli pesanti da lucido), si incidono i contorni con la lama di un taglierino o le forbici a punta fine e si ottiene una sagoma bucata da posare sul tessuto e riempire di colore. Si trovano anche già pronte, incise su fogli trasparenti nei negozi di bricolage
Per un mini stencil al volo, possiamo anche usare le nostre fustelle!
Il pennello o la spugna, vanno tamponati sulla mascherina picchiettando ripetutamente con gesti veloci e partendo dalla parte esterna del disegno. Io stendo il colore sul rovescio di un piattino e ne prendo pochissimo per ogni passaggio.
Per tenere la mascherina ben ferma sul tessuto e ottenere dei contorni precisi, può aiutare del nastro adesivo di carta. Esiste anche la colla spray, ma non l'ho mai provata.


Stampa a mano e stampini
Per realizzare mini disegni (anche da ripetere in serie) o scritte particolari su stoffa, si possono sperimentare i piccoli stampini già pronti che si trovano ormai facilmente in molti grandi negozi dedicati agli hobby, nei negozi di belle arti o nei negozi di giocattoli per bambini. Sono comodi e possiamo anche richiederli su misura portando il nostro disegno o scritta. Se vogliamo crearli da soli, ci sono materiali diversi che fanno al caso nostro, ad esempio gomma crepla, gomme per cancellare, polistirolo o legno e molti blog/siti che ci insegnano come fare.
Un metodo efficace per "timbrare" il tessuto con gli stampini, che uso spesso, è quello di stendere direttamente il colore sullo stampino con un piccolo pennello, specialmente se il disegno è ricco di particolari. Macchie e piccoli difetti renderanno unica ogni singola stampa. 
Più informazioni a questo mio post.
Anche gli oggetti di casa, ad esempio bicchieri, forchette, tappi o fondi di bottiglie di plastica, possono diventare timbri improvvisati per stampe originali. Altre fonti di ispirazione? Pennarelli, rotoli di carta igienica, lettere o altri giochi di plastica, tappi di sughero, mollette, polistirolo, ecc. Qualsiasi oggetto può trasformarsi in stampino!


Stampa con foglie e vegetali
Con le foglie, secche o fresche, si fanno delle stampe bellissime che continuano ancora a stupirmi. Sono sempre speciali e con quel tocco di poesia che solo la natura sa donare.
Bisogna procedere con delicatezza perché sono fragili e avere l'accortezza di stendere il colore sul rovescio della foglia, dove le nervature sono più evidenti. Più informazioni a questo mio postAnche dalla frutta si ottengono simpatici stampini, molto conosciuto è l'esempio della mela tagliata a metà e la verdura non è da meno: la rosa si ricava dalla base del radicchio e piccoli "alberelli" dal cavolfiore. 
La patata tagliata a metà e incisa con un taglierino, è usata da tempo per creare stampini dalle forme elementari. L'unico inconveniente può essere l' acqua contenuta nei vegetali, spesso occorre asciugare bene o aspettare che i nostri stampi naturali si secchino un po', ma vale la pena di cimentarsi in qualche esperimento.


Con la stampante di casa
E...se proprio ci sentiamo negati per il disegno? Ci resta sempre la nostra stampante di casa con le cartucce (a getto d'inchiostro). In rete, troviamo una marea di disegni in bianco e nero pronti da scaricare e da stampare su stoffa. Se poi ripassiamo le stampe con pennelli o pennarelli per tessuti, rimarranno sicuramente indelebili. Ma anche la semplice stampa (meglio se in tonalità scure), una volta fissata con il ferro da stiro (proteggendo il disegno con carta da forno), resiste a qualche lavaggio delicato. La procedura a questo mio post .

Per concludere, un piccolo promemoria per usare bene 
colori per tessuto e acrilici

Usate sempre pennelli e spugne perfettamente asciutti.
Se possibile, lavate il tessuto o il capo prima di decorarlo.
Proteggete con carta da giornale le parti del tessuto che potrebbero macchiarsi durante il lavoro.
Se il tessuto è doppio (es: il dietro di una maglietta), inserite del cartoncino o più strati di carta, sul rovescio del disegno, in modo che il colore non arrivi a macchiare la parte a contatto.
Fate prima delle prove su vecchi pezzi di tela, per verificare se l'effetto e il colore sono
quelli che desiderate, se le spugne sono troppo cariche di colore o i pennarelli nuovi "sbavano".
Non diluiteli con acqua (salvo utilizzi particolari, ad es. aerografo a bocca).
Con le mascherine usate preferibilmente un pennello piatto, il pennello rotondo per stencil o un pezzo di vecchia spugna e picchiettate più volte partendo dai contorni.
Usate poco colore per volta e fate attenzione a non macchiare, se succede, lavate subito con acqua fredda, il caldo fissa il colore.
Lasciate asciugare il colore almeno una notte.
Stirate sempre il disegno con il ferro da stiro a secco, senza il vapore. Si comincia passando il ferro sul rovescio del tessuto, facendo dei lenti movimenti circolari su tutto il disegno. Si continua il fissaggio anche sul diritto della stoffa, avendo cura di inserire della carta forno (o carta velina o carta tipo scottex) tra il disegno e il ferro da stiro. La temperatura dipenderà dal tipo di tessuto, come nel caso di una stiratura normale, bisognerà rispettare le indicazioni riportate sull'etichetta. Se non abbiamo etichetta, ci regoleremo ricordando che lino e cotone sopportano temperature al massimo, misti cotone temperature medie, acrilici e sintetici temperature basse o addirittura non potranno essere stirati per niente. Se il tessuto è sintetico e non può essere stirato, il disegno non potrà essere fissato alle fibre e quindi si disperderà con il lavaggio.
Non lavate il disegno prima di un mese circa, in questo modo lascerete che si completi perfettamente il processo chimico di asciugatura e fissaggio del colore sulle fibre.
In lavatrice, lavate i capi dopo averli messi a rovescio, a temperature medio basse.
Lavate subito pennelli, mascherine, timbri e tutto il materiale che avete colorato.
Proteggete gli abiti con un grembiule o indossate una vecchia maglietta, perché i colori per stoffa e gli acrilici, macchiano in modo indelebile anche i vostri vestiti!

Nota
 Ricordiamoci di usare questi colori preferibilmente con la finestra aperta o ricambio d'aria e arieggiamo bene il locale dove abbiamo lavorato. Se vogliamo coinvolgere i bambini, facciamo attenzione che non annusino il contenuto dei barattoli.




--- Condivido foto e testi solo per uso personale ---
--- For personal use only ---

58 commenti:

  1. grazie grazie :)
    è davvero un post da studiare
    meglio di un'enciclopedia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Rosaria per il tuo commento!
      Spero di essere riuscita a chiarire qualche dubbio.

      Elimina
    2. Ciaooo volevo sapere ho dipinto un copri cuscino da letto con gli acrilici può causare qualche disturbo durante la notte? Grazie!!!

      Elimina
    3. Non sono esperta fino a questo punto, però preferirei non usare l'acrilico sui cuscini per la notte. Trovo il tuo dubbio molto intelligente! Diciamo che se hai dipinto un lato solo, puoi sempre appoggiare il viso sul lato non decorato.

      Elimina
  2. ottimi consigli! c'è tutto per chi vuole iniziare a colorare i tessuti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Ho voluto condividere un po' della mia esperienza e magari invogliare qualcuno a provarci!

      Elimina
    2. Grazie. Hai risolto tutti i miei dubbi sulla pittura acrilica sulla stoffa. Sei proprio brava.

      Elimina
    3. Bene, grazie a te Domi, mi fa piacere sapere di esserti stata utile!

      Elimina
  3. che bel post, molto interessante! da leggere e rileggere!
    Baci
    Giovanna

    RispondiElimina
  4. Come sempre nel tuo blog trovo un sacco di informazioni utili e tutto e' spiegato alla perfezione.
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franca,
      detto da te mi fa molto piacere!

      Elimina
  5. hai ragione Pia, ci sono 1000 tecniche e materiali diversi per dipingere-stampare sui tessuti e così, con questo tuo chiarissimo post, mi hai fatto creare un ennesimo post in bozza(!)attraverso cui - appena potrò - condividerò qualche mio lavoro passato (compreso un errore).
    Grazie e buon fine settimana =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia,
      dagli errori mi sa che è nata la saggezza del mondo!

      Elimina
  6. Che bel post,ora sò tutto quello che c'è da apere se decido di decorare una stoffa!Grazie,sei sempre utilissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Francesca,
      avrò senz'altro dimenticato qualcosa, ma via via che mi ricordo, lo aggiungerò : )

      Elimina
  7. Pia, sei fantastica!
    I tuoi tutorial sono sempre così completi, colorati e perfetti!
    grazie e ciao

    RispondiElimina
  8. Ciao Pia, come sempre il tuo post é molto chiaro e carico di consigli pratici! Ottimo anche il riassunto finale!
    Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Loriana,
      ho cercato di sintetizzare le informazioni, secondo me indispensabili, scoperte in questi anni di esperimenti! Buona settimana a te!

      Elimina
  9. una fonte inesauribile ... veramente affascinante
    grazie tante ... salutoni ... giusi_g

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saluti a te, Giusi! E grazie di essere passata!

      Elimina
  10. Come al solito passando di qua ne imparo una nuova: non avevo mai pensato di stampare un'immagine per poi ripassarla con i colori da stoffa. Magari l'idea mi tornerà utile prima o poi...
    Grazie!!!
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Paola,
      stampare e poi ripassare è un metodo pratico per risparmiare inchiostro (si stampa leggero e appena visibile) e poi si è certi che resterà indelebile.

      Elimina
  11. Mi serviva proprio questo tuo post ! Ho comperato dei colori per stoffa e mi sto dando alla colorazione di magliette e borse!! Utilissimi quindi questi tuoi consigli:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Viola,
      mi fa piacere di essere arrivata al momento giusto! : )

      Elimina
  12. Bellissima questa carellata sui colori per stoffa!!! Mi piace molto ed è di grande inspirazione! infatti ho già voglia di fare qualche pasticcio!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberta,
      il mio intento principale era proprio quello di far venire la voglia di buttarsi in qualche esperimento! : )

      Elimina
  13. Già pasticcio abbastanza e colori e disegni non sono il mio forte; comunque un post da tenere da parte che chissà mai nasca un giorno l'ispirazione di riuscire a fare qualcosa ben fatto. Grazie a te. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marta,
      intanto non è che pasticci soltanto, perchè stai facendo sempre meglio e so che ci metti tanta passione e impegno e poi, se proprio il disegno non è nelle tue corde, ti rimane sempre la stampa! : )

      Elimina
  14. Ciao Pia Hai spiegato tutto benissimo....se vuoi sul mio blog c'è un premio per te
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna,
      sei stata molto gentile!

      Elimina
  15. Ciao Pia, che bel post, non so come ma mi era sfuggito..ora me lo rileggo con calma...buona serata!!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmen, buona serata a te!

      Elimina
  16. Questo post è fantastico, bellissime idee ci regali sempre!!! Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Debora,
      sono contenta di sapere che le mie idee ti piacciono!

      Elimina
  17. Carissima, ma sei bravissima davvero!!!
    Sempre molto belli ed ultra interessanti i tuoi articoli.

    Grazie mille!
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Mary,
      è una piccola raccolta di suggerimenti pensata anche per rispondere a qualche richiesta che mi veniva fatta da tempo.

      Elimina
  18. questo post mi interessa proprio perchè devo decorare dei grembiuli di stoffa con dei ragazzi disabili con cui lavoro... e qui mi pare di trovare delle idee facili da realizzare e di sicuro effetto..grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che i risultati non mancheranno. L'importante è la scelta dei soggetti che devono essere elementari e molto colorati. Grazie a te!

      Elimina
    2. pensavo di usare la tecnica dello stencil, usando la spugnetta per colorare.. proveremo :)

      Elimina
    3. Buona idea! Le mascherine le ho usate diverse volte con i bambini e hanno sempre funzionato. Esiste anche una colla spray per fissarle bene alla stoffa (costa tanto), ma io mi sono sempre organizzata con il nastro adesivo di carta che è un'ottima soluzione.

      Elimina
  19. Ho cercato di coprire delle odiose macchioline sul mio piumino di stoffa sintetica con dei disegni in colore acrilico: ora vorrei poterli fissare con il ferro da stiro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non credo che sia possibile, il ferro da stiro brucerebbe il piumino sintetico. Lascia i disegni così, magari, se puoi, al sole. Oppure, fissali con l'aria calda del phon, tenuto non troppo vicino e non troppo caldo. In ogni caso, hai fatto bene a provare a sistemare il tuo piumino, perché ogni esperimento ci porta sempre a imparare qualcosa e a tenere allenata la creatività. Con un po' di fortuna, l'acrilico (se è di buona qualità) potrebbe riuscire a fissarsi bene lo stesso. Ovviamente, è molto difficile dire cosa succederà al lavaggio del piumino, specialmente se lo porti a lavare a secco, ma potrai sempre ritoccare i disegni o sistemarli a mano.

      Elimina
    2. Ti ringrazio tanto per avermi risposto! Anche mio marito ha comunque lodato il mio estro creativo!

      Elimina
    3. Bene! Mi fa molto piacere. Fammi sapere come va a finire! :)

      Elimina
  20. Bellissimo post| Vorrei farti una domanda da profana: gli acrilici di cui parli sono quelli che si usano anche per legno o vetro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, esatto, sono i comuni acrilici che trovi in colorificio (in tubetti, in vasetti di vetro o contenitori di plastica) e che si possono usare su superfici diverse, compresa la stoffa, dove si fissano molto bene e diventano lavabili. A differenza dei colori per tessuto, sono un po' più corposi e lasciano una leggera patina rigida, quindi è meglio non usarli su tessuti molto leggeri o trasparenti, ma vanno benissimo per quasi tutti i tipi di cotone.

      Elimina
  21. Ciao! Grazie per questo tuo post.
    Ho bisogno di un consiglio, magari mi sai aiutare: devo far decorare a dei bimbi delle magliette con i colori "naturali" (ossidi, ocre, carbone...), alla maniera antica. Cosa posso mischiare all'intruglio (passami il termine) pigmento+acqua+uovo per fissare il colore sulla maglia? ci sono prodotti che fissano il colore che posso acquistare e mescolare ai pigmenti? Grazie mille :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Mi dispiace molto ma non posso aiutarti, non conosco i prodotti che stai cercando. Grazie a te per la fiducia e ti auguro di trovare presto la soluzione che fa al caso tuo.

      Elimina
  22. Ciao! Bellissimo il tuo post e molto utile, mi sono avvicinata da poco ai colori per la stoffa e sto facendo degli esperimenti... avrei una domanda, la stoffa è meglio lavarla prima di dipingerla? Mi sembra che nel tuo post non ne parli. Grazie per i preziosi consigli e buon lavoro!
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda Sara! In effetti, mi ero dimenticata di scriverlo nel post e ora, grazie a te, l'ho inserito nell'elenco finale. Sì, confermo, meglio bagnare o lavare la stoffa prima di dipingerla. Grazie ancora e buon lavoro anche a te!

      Elimina
  23. Sei stata chiarissima! Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! Ne sono contenta, perché questo post è stato davvero lungo e laborioso! Grazie a te!

      Elimina

Vuoi lasciare un commento e non sei registrata/o?
1. Scrivi il tuo commento.
2. Scegli ANONIMO dal menù a tendina.
3. Clicca su PUBBLICA.
FATTO! GRAZIE MILLE!
(Il tuo commento sarà visibile al più presto, dopo la mia lettura).