19 set 2017

COME si FA: risvoltare bene l'angolo

Quando riportiamo il lavoro sul diritto è importante far "uscire" bene gli angoli 
in modo che la punta sia tutta visibileVi mostro il mio metodo preferito.


Che la cucitura vicina all'angolo sia sopra o di fianco, non fa differenza
(ovviamente siamo sul rovescio del lavoro).

Per prima cosa, si prepara l'angolo," schiacciandolo" tra le dita (vedi foto) 
per piegare e appiattire il margine della cucitura.
Se abbiamo tessuti particolarmente pesanti, possiamo usare il ferro da stiro.


Ed ecco la mossa chiave
inserisco il pollice dentro l'angolo e tengo ben fermo il margine della cucitura 
(appiattito e piegato prima) tra pollice (nascosto dentro l'angolo) e indice.


Sempre senza mollare la presa e aiutandomi anche con l'altra mano, 
rovescio l'angolo sul diritto, portando il pollice all'esterno e l'indice all'interno.

Mollo la presa del pollice e spingo fuori l'angolo, con il dito indice, 
fino a farlo uscire del tutto.


Ora l'angolo è già ben visibile (siamo sul diritto), 
ma se occorre sistemarlo ancora, posso tenerlo tra le dita delle due mani
e fare dei piccoli movimenti avanti e indietro spingendo verso la punta.


Sembra un particolare di poco conto, ma in realtà, gli angoli risvoltati bene danno quel tocco accurato al nostro lavoro che, alla fine, ci regala una soddisfazione in più.

Condivido foto e testi solo per uso personale.
For personal use only.

12 commenti:

  1. E' vero, gli angoli sono molto importanti, io cucio quasi esclusivamente con materiale di recupero e mi piace che l'aspetto finale sia gradevole... per definire gli angoli a volte uso una matita "spuntata".
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonissima l'idea della matita spuntata, molto pratica. Buona giornata a te Carmen!

      Elimina
  2. anche io uso la matita. ciao e grazie . Cry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cry, la matita è sempre una buona soluzione. Grazie a te!

      Elimina
  3. Favoloso! Grazie per la dritta, nella riuscita di un buon lavoro sono i dettagli che contano!
    Un abbraccio
    sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, l'attenzione ai dettagli intriga molto anche me. Un abbraccio e grazie
      te!

      Elimina
  4. C'è sempre da imparare, grazie Pia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì! Questo è poco ma sicuro! :) Grazie a te Marta!

      Elimina
  5. Ciao Pia
    come sempre precisa nelle tue spiegazioni

    RispondiElimina

Vuoi lasciare un commento e non sei registrata/o?
1. Scrivi il tuo commento.
2. Scegli ANONIMO dal menù a tendina.
3. Clicca su PUBBLICA.
FATTO! GRAZIE MILLE!
(Il tuo commento sarà visibile al più presto, dopo la mia lettura).