04 lug 2015

COME si FA: unire le stoffe

È quello che facciamo normalmente, quando ci mettiamo a cucire,
unire dei pezzi di stoffa per creare qualcosa di nuovo.
Lo faccio da tanti anni, ma non smette mai di meravigliarmi per la sua magia: 
due tessuti, anche molto diversi tra loro, sembrano all'improvviso nati per stare insieme


Il modo più comune per unire le stoffe è quello di far combaciare i margini e cucirle sul rovescio.
I due diritti si toccano (diritto contro diritto) e il piedino scorre a filo dei margini.
Sarà importante procedere il più possibile diritti, senza fare curve o spostamenti repentini.
Se dobbiamo fermarci o interrompere il lavoro, lasciamo sempre l'ago dentro la stoffa.

Il risultato
A cucitura finita e stirata aperta, avremo a rovescio i margini vivi dei tessuti 
e quindi anche i relativi fili a vista. 
Può andare bene per tutti quei progetti dove non si vede il rovescio, ad esempio: 
tovagliette foderate, buste, astucci e borse con la fodera.

Sul diritto le stoffe sono unite in modo pulito (l'unione perfetta di cui parlavo sopra).

Possiamo rifinire e completare la prima cucitura sia sul diritto sia sul rovescio.
A rovescio con il punto zig zag sui due margini cuciti insieme:
si usa spesso per l'abbigliamento e quando non è importante che il rovescio sia perfetto.
A diritto con un punto decorativo:
ormai quasi tutte le macchine hanno un punto da ricamo che crea una piccola spighetta, 
oltre al classico zig zag, ottima scelta anche per un effetto patcwork.


Un'alternativa veloce alla cucitura base, è quella di unire le stoffe sul diritto
e poi far scomparire i margini con tutti i fili al seguito.

La prima cucitura viene fatta sul diritto del lavoro, con le stoffe che si toccano sul rovescio 
e poi si riducono i margini a circa mezzo centimetro per eliminare i fili e renderli un po' più diritti.

Il risultato
A cucitura finita e stirata aperta, avremo a rovescio  le stoffe unite in modo pulito 
e senza sfilacciature (come prima sul diritto).

Sul diritto ci saranno però i margini vivi che si sfilacciano 
(il contrario rispetto la cucitura che facciamo di solito).
Niente paura, li nasconderemo con l'applicazione di una passamaneria, 
sbieco, fettuccia, del nastro oppure una striscia ricavata dallo stesso cotone.

Sul diritto i margini saranno invisibili, perché nascosti dalla passamaneria 
(di cui vedremo le cuciture).  Filo, stile e colori andranno scelti con attenzione.

A rovescio si vedranno le cuciture che abbiamo fatto a diritto 
ma il risultato sarà comunque molto pulito e senza sfilacciature
(un filo in tinta con il tessuto sarà quasi invisibile, come la mia cucitura sulla parte in fantasia).


Anche in questo caso, possiamo sostituire il punto diritto con un punto ornamentale.

Una valida alternativa, anche se più elaborata (sempre per avere un rovescio pulito e senza fili) 
è la cucitura ribattuta. Si riconosce per una cucitura visibile sul rovescio e due sul diritto, 
ma, come si può notare,  nessuna traccia dei bordi della stoffa. 
Le spiegazioni passo passo cliccando qui.


Ultima, ma non ultima per utilità, la cucitura inglese che nasconde margini e fili 
dentro una cucitura, sul rovescio del lavoro. Le spiegazioni passo passo sono  qui.  
Questi 4 metodi, sono quelli che uso normalmente per quasi tutti i miei progetti di cucito, 
spero che possano essere utili anche a voi!

--- F - S P ---


--- Condivido foto e testi solo per uso personale ---
--- For personal use only ---

16 commenti:

  1. Post molto utile, grazie!
    Buona domenica
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari aggiungo qualche esempio nei prossimi giorni, oggi fa troppo caldo e a un certo punto non avevo più la mia di connessione, quella tra i miei neuroni rimasti! :)
      Grazie Carmen, buona domenica a te!

      Elimina
  2. Grazie per queste utili spiegazioni. Daniela D,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Daniela! Per me è importante sapere che le mie spiegazioni possono essere utili.

      Elimina
  3. Ottime spiegazioni. Grazie per averle condivise. Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Sonia! Sono contenta di sapere che hai trovato ottime le spiegazioni!

      Elimina
  4. Grazie Pia! spiegazioni sempre chiare e precise e .,.sempre utili!
    Vivy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, anche per te le spiegazioni sono chiare e questo mi fa molto piacere, grazie mille Vivy!

      Elimina
  5. Ciao Pia grazie per le tuespiegazioni e condivisioni , ti seguo da circa 1 anno e mezzo e grazie a te , sono riuscita a fare cose con la mia macchina da cucire , impensabile ! Sapevo neanche fare il punto dritto !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma brava Marea! Mi pare di capire che anche tu hai imparato da sola e che ti sei data molto da fare. Complimenti e grazie a te per avermi fatto partecipe dei tuoi progressi. Continua così!

      Elimina
  6. Grazie Pia!!! x aver condiviso anche con me, le tue spiegazioni chiare e precise... prima o poi farò il grande passo e... mi butterò con la mia macchina da cucire!!
    intanto grazie ancora
    A, Ct

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo A! Devi buttarti e prima possibile, non pensarci troppo e prendi una stoffa da riciclare oppure economica (puoi acquistarne anche solo 30 centimetri). Trovi un elenco di idee semplici, nella mia raccolta dedicata a chi sta cominciando, alla voce: COME iniziare, sotto il titolo del blog. Fammi sapere e grazie a te!

      Elimina
  7. Secondo me è venuta voglia di cucire pure ai tuoi gatti!
    Confessa che anche loro hanno già imparato! :-D
    Allora li invidio proprio! Con una maestra così...
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D Grazie anche per le risate! Un bacione a te CLara!

      Elimina
  8. C'è sempre da imparare!

    RispondiElimina

Vuoi lasciare un commento e non sei registrata/o?
1. Scrivi il tuo commento.
2. Scegli ANONIMO dal menù a tendina.
3. Clicca su PUBBLICA.
FATTO! GRAZIE MILLE!
(Il tuo commento sarà visibile al più presto, dopo la mia lettura).